20 Luglio 1969 : il primo uomo sulla Luna .

Old Fashion, c’era.

Old Fashion è stato fondato nel 1933 , e da allora ha accompagnato le notti dei milanesi attraverso l’evolversi della Storia.Ecco perchè è l’unico locale sempre pronto a festeggiare e ricordare un avvenimento del passato : raccontando questi, racconta  un po’ anche se stesso.
E il 2019 è decisamente un anno carico di anniversari.
Forse perchè il 1969 è stato un anno veramente prolifico di eventi. Abbiamo iniziato questa nostra carrellata di ricorrenze con il Capodanno 2019 dedicato ai 50 anni del concerto di Woodstock, passando attraverso l’anniversario del Gay Pride del 27 Giugno ( i moti di Stonewall ) e continuiamo anche il 20 luglio 2019 celebrando il cinquantenario del primo passo dell’Uomo su un corpo extraterrestre : la Luna.

Neil Armstrong, Michael Collins, Buzz Aldrin

I protagonisti

Il 20 luglio 1969 alle 20:17:40 UTC ( Tempo universale ) Apollo 11  portò i primi uomini sulla Luna : erano gli astronauti statunitensi Neil Armstrong e Buzz Aldrin. Armstrong fu il primo a mettere piede sul suolo lunare, sei ore più tardi dell’allunaggio, il 21 luglio alle ore 02:56 UTC mentre Aldrin arrivò 19 minuti dopo.

Il terzo membro della missione, Michael Collins ( pilota del modulo di comando ), rimase in orbita lunare mentre gli altri due erano sulla superficie; dopo 21,5 ore dall’allunaggio, gli astronauti si riunirono e Collins pilotò il modulo di comando Columbia nella traiettoria di ritorno sulla Terra. La missione terminò il 24 luglio, con l’ammaraggio nell’Oceano Pacifico.

Saturn V – Apollo 11 Mission

Il razzo

Lanciata da un razzo Saturn V dal Kennedy Space Center, il 16 luglio alle 13:32 UTC, Apollo 11 fu la quinta missione con equipaggio del programma Apollo della NASA. La navicella spaziale Apollo era costituita da tre parti: un Modulo di Comando ” Columbia ” (CM) che ospitava i tre astronauti ed è l’unica parte rientrata a Terra, un Modulo di servizio (SM), che forniva il modulo di comando di propulsione, energia elettrica, ossigeno e acqua, e un Modulo Lunare” Eagle ” (LM).

La prima passeggiata lunare fu trasmessa in diretta televisiva per un pubblico mondiale.Nel mettere il primo piede sulla superficie della Luna Armstrong pronunciò la famosa frase :

E’ un piccolo passo per [un] uomo, un salto da gigante per l’umanità

L’emblema della missione

L’emblema della missione fu ideato da Collins, che volle rappresentare simbolicamente un “allunaggio pacifico degli Stati Uniti“( erano i tempi della Guerra fredda tra USA e CCCP ). Rappresentò quindi un’aquila calva, con un ramo d’ulivo nel becco, che atterrava su un paesaggio lunare e con una vista della Terra in lontananza. Alcuni funzionari della NASA ritennero che gli artigli dell’aquila sembrassero troppo “bellicosi” e dopo qualche discussione, il ramo d’ulivo fu spostato negli artigli. L’equipaggio scelse di non utilizzare il numero romano “XI”, ma preferì utilizzare l'”11″ arabo, temendo che il primo potesse non essere compreso in alcune nazioni. Inoltre, scelsero di non indicare i loro nomi sull’emblema, affinché esso fosse “rappresentativo di tutti coloro che avevano lavorato per permettere la missione“. Tutti i colori sono naturali, con bordi in blu e giallo oro.

 

«Houston, Tranquility Base here. The Eagle has landed.»

La commissione della NASA incaricata della scelta del sito di allunaggio (Apollo Site Selection Board) annunciò, l’8 febbraio 1968, di averne individuati 5 potenziali. Questi erano il risultato di 2 anni di studi basati sulle fotografie ad alta risoluzione della superficie lunare acquisite da cinque sonde prive di equipaggio del programma Lunar Orbiter e sull’analisi delle informazioni, apprese nel corso del programma Surveyor, riguardanti le condizioni del suolo.

Alla fine, l’Apollo Site Selection Board selezionò il sito 2 nel Mare della tranquillità ( Mare Tranquilitatis ), con i siti 3 ( Sinus Medii  ) e 5 ( Oceanus Procellarum )come backup in caso di ritardo del lancio.

Nel maggio 1969, Apollo 10 volò a meno di 15 km dal sito 2 e riferì che era accettabile per il successivo allunaggio.

 

La prima passeggiata

I preparativi per la passeggiata lunare iniziarono alle 23:43. Una volta che Armstrong e Aldrin furono pronti per uscire, il modulo lunare Eagle venne depressurizzato. Alcune delle più alte frequenze cardiache registrate dagli astronauti delle missioni Apollo vennero riscontrate durante l’uscita dal LM. Alle 02:56:15 UTC (4:56 italiane) , le prime immagini in bianco e nero di un uomo sulla Luna vennero viste in diretta da almeno 600 milioni di persone sparse in tutto il mondo.
Sei ore e mezza dopo aver toccato il suolo, dopo una breve descrizione della superficie (very fine grained… almost like a powder cioè “a grana molto fine… quasi come polvere”) e aver pronunciato la sua storica frase, Armstrong fece il suo primo passo fuori dall’Eagle e diventò il primo uomo a camminare su un altro corpo celeste.

First step on the Moon

Teoria del complotto lunare

La teoria del complotto lunare (in inglese detta anche Moon Hoax, frottola della Luna) è l’ipotesi complottista secondo cui le missioni del programma Apollo non avrebbero realmente trasportato gli astronauti sulla Luna, e le prove degli allunaggi sarebbero state falsificate dalla NASA, con la collaborazione del governo degli Stati Uniti, in competizione con l’URSS per la “conquista dello spazio” nel panorama generale della guerra fredda. Secondo i teorici del complotto, le immagini degli allunaggi sarebbero riprese fatte in studio con l’ausilio di effetti speciali.

Nel 1999 un sondaggio della Gallup ha rilevato che il 6% dei cittadini statunitensi ha dubbi sull’allunaggio.
Il consenso scientifico è che le missioni Apollo sono state reali e l’uomo ha indiscutibilmente camminato sulla Luna, come dimostrato anche da numerose prove indipendenti.

A contribuire ulteriormente alla diffusione popolare della teoria fu Capricorn One, un film del 1978 per la regia di Peter Hyams. La trama tratta, in maniera analoga, di una missione su Marte.
Nel film, la NASA scopre di non essere in grado di partire per la missione; onde evitare che i finanziamenti per missioni successive vengano cancellati, decide di inscenare il tutto in uno studio televisivo.

Old Fashion e il tributo

La notte del 20 luglio 2019 Old Fashion tributerà un ricordo alla missione dell’Apollo 11  con un’ Animazione in stile spaziale.