Milano è  “Storevolution”

Camerini “smart”, tablet e smartphone per pagare più in fretta, app per prenotare vestiti

Un bando della Regione mette a disposizione 9,5 milioni di fondi per l’innovazione di 100mila tra piccole e medie imprese

Camerini smart, con specchi interattivi che permettono di vedere come veste un abito senza doverlo indossare.
Tablet e smartphone abilitati come casse “mobili”, per evitare  le code nei negozi alle casse fisiche.
App per prenotare l’abbigliamento da ritirare in negozio e sistemi per chiedere direttamente al magazzino di una boutique se c’è la nostra taglia di un capo in esposizione.

I fondi

La Regione Lombardia invita le imprese commerciali del settore a una svolta tecnologica e  lo fa con un bando, “Storevolution“, che mette a disposizione 9,5 milioni di fondi per l’innovazione di oltre 100mila piccole e medie imprese al dettaglio che potranno acquistare attrezzature e sviluppare sistemi per rendere più evoluti le loro attività.

L’idea è quella di integrare l’acquisto online  con quello tradizionale in negozio, visto che con le App si potranno scegliere e prenotare i capi da provare poi in camerino e migliorare le attese delle code, con totem elettronici o tablet trasformati in casse mobili.

I progetti vanno presentati dal 10 settembre fino all’8 ottobre 2018.

Per ogni attività che parteciperà al bando (e verrà giudicata idonea) ci sarà un contributo di 20mila euro massimo ( pari al 50% delle spese ammesse)  per le imprese che presentano domanda singolarmente, mentre è del 60% – con un massimo di rimborso di 60mila euro – per quelle che si consorziano, fino a un massimo di 6 imprese. 

Camerino smart

Ma è il camerino smart ad attirare l’attenzione dei più: perché quelli che alcuni grandi marchi stanno sperimentando, permettono di vedere nello specchio-schermo l’abito indossato.

Sicuramente un argomento molto sentito nella capitale del fashion business

Altri articoli su Milano

Quanto vale il Design italiano?

DigitalWeek

Car pooling a Milano